Premio 25 aprile (Miglior cantante)

2008: vincita del concorso Sanremolab

2010: Wind Music Awards (Miglior giovane artista)

Vince due volte il Premio Lunezia (Jazz d’autore)

Simona Molinari Profilo

Simona Molinari

Cantante

La musica per me è una cura. È il linguaggio dell’anima che ti traghetta dritto dentro le emozioni, ti ci mette in contatto. Non importa chi la crea, la musica non è di chi la fa, ma di chi ne ha bisogno“.

Simona Molinari

Nasco a Napoli il 23 febbraio del 1983, ma cresco all’Aquila. Mi avvicino al mondo della musica sin da giovanissima, iniziando a studiare canto all’età di otto anni, per poi concentrarmi dapprima sulla musica leggera e sul jazz e, in seguito sulla musica classica, fino a raggiungere il diploma al conservatorio Alfredo Casella dell’Aquila. Dopo alcuni anni trascorsi cantando nei piano bar italiani, nel 2006 partecipo al Premio 25 aprile, ottenendo il riconoscimento come Miglior cantante.

Un anno dopo inizio a collaborare con il produttore Carlo Avarello e nello stesso anno esordisco anche in campo teatrale, con attori del calibro di Michele Placido, Edoardo Siravo e Caterina Vertova.

Nel dicembre 2008 vinco il concorso Sanremolab, ottenendo così la partecipazione al Festival di Sanremo 2009. Il brano con cui mi presento è Egocentrica che poi verrà inserito nell’omonimo album. A poche settimane dal terremoto dell’Aquila del 2009, registro con il pianista classico Nazzareno Carusi il singolo Ninna nanna, venduto in allegato al quotidiano Libero con lo scopo di raccogliere fondi a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma.

A giugno 2010, collaboro nuovamente con Ornella Vanoni, che partecipa al brano “Amore a prima vista” entrato in classifica “Top Singoli” nei primi 10 posti. Nello stesso anno vinco nella categoria miglior Giovane artista ai Wind Music Awards e, sempre nello stesso anno, ricevo per la seconda volta il Premio Lunezia, per la categoria Jazz d’autore per il brano “Amore a prima vista”. Nel 2013 partecipo nuovamente in coppia con Peter Cincotti insieme al quale presento Dr. Jekyll Mr. Hyde e La felicità; il primo dei due brani è un inedito postumo di Lelio Luttazzi, scomparso due anni e mezzo prima, e del paroliere Alberto Zeppieri. A marzo del 2014 mi esibisco a Mosca nel Club Manon e al Teatro Estrade, partecipando anche al musical Jesus Christ Superstar in cui interpreto il ruolo di Maria Maddalena, ospite fissa del programma condotto da Massimo Ranieri su Rai 1 “Sogno e son Desto”.

Nel 2014 ritorno a Sanremo ma come ospite nel ruolo di accompagnatrice del cantante in gara, Renzo Rubino, nella serata Sanremo Club, cantando “Non arrossire” di Giorgio Gaber. Il 4 dicembre 2015 esce il mio quinto album dal titolo “Casa mia”, che debutta alla posizione 28 della classifica album Fimi. In questi anni ho fatto più di 100 concerti in giro per il mondo e partecipato a diverse trasmissioni televisive, tra cui quella condotta da Piero Chiambretti su rete 4: “CR4- La repubblica delle donne”.

Il 1 settembre 2019 mi sposo a Roma con Giovanni Luca Zammarchi, l’uomo che mi ha reso mamma di una bellissima bambina. Professionalmente parlando ho avuto la possibilità di duettare e collaborare con grandi artisti, oltre a quelli già citati, come Al Jarreau, Gilberto Gil, Renzo Arbore, Massimo Ranieri, Fabrizio Bosso, Franco Cerri e molti altri e non posso non ritenermi fortunata per questo.