Cesare Berlingeri - Arimondi Circle

Cesare Berlingeri, l'”artista della piega”, mostra all’Arimondi Circle

Arimondi Circle, il loft-galleria nel cuore del quartiere di Portonaccio a Roma inaugura la nuova stagione espositiva con Cesare Berlingeri, l’“artista della piega”

Il loft-galleria

Situato nel cuore del popolare quartiere di Portonaccio a Roma, Arimondi Circle è una “live-arting gallery” no-profit, al quarto piano di un ex deposito di autoveicoli in via Arimondi 3, poi trasformato in abitazioni e studi di artisti che hanno spinto nel 2012, Achille Bonito Olivo a curare una mostra pensata appositamente per questo “condominio di artisti”.

Fondata dall’avvocato-manager d’impresa Luisa Melara insieme a Barbara Santoro e Cesare Biasini Selvaggi, questa abitazione-galleria realizzata nell’ex studio del grande pittore Piero Pizzi Cannella, promuove la ricerca di autori italiani e internazionali. Gli spazi privati del loft sono stati concepiti appositamente dallo studio di architettura NEMA per favorire l’incontro e approfondire la cultura del contemporaneo in un contesto informale.

Tra i progetti già realizzati, The best is yet to come (2019), collettiva di artisti emergenti italiani in collaborazione con le principali gallerie d’arte romane; OUTSIDE›IN (2020), collettiva di street artist internazionali in collaborazione con Dorothy Circus Gallery Londra-Roma; il grande murales ONE CITY (2020) commissionato ad Alice Pasquini per il quartiere di Portonaccio; la personale di Filippo Riniolo dal titolo NOVERCA (2021).

La mostra di Cesare Berlingeri

Dal 10 ottobre 2022 al 6 gennaio 2023 si inaugura la nuova stagione espositiva nel loft-galleria di Arimondi Circle con la mostra personale “Piegare le stelle” dell’artista Cesare Berlingeri (Cittanova, Reggio Calabria, 1948), tra i maggiori esponenti dell’arte astratta contemporanea.

Reduce da grandi successi nazionali e internazionali (XI Quadriennale, Roma; Fondazione MUDIMA, Milano; MUDIMAdrie, Anversa; MAC, Goiania; MAM, Salvador de Bahia; MAM, Rio de Janeiro; 11th International Cairo Biennal, Pechino), Cesare Berlingeri ritorna a esporre nella Capitale in occasione dei cinquant’anni di attività. Nel loft-galleria di Portonaccio si potranno ammirare una selezione di capolavori degli ultimi anni, le sue famosissime “tele piegate”. “La piega è una zona di confine tra due mondi opposti e complementari, tra un visibile e un invisibile, tra una luce un oscurità “(Cesare Berlingeri).

«Il titolo “Piegare le stelle” è tratto da un lavoro in mostra del maestro Berlingeri. Ho capito subito che quel titolo potesse essere d’ispirazione non solo per il nome da dare alla nostra mostra romana, ma per la vita di ognuno di noi. “Piegare le stelle” infatti per me rappresenta il senso dell’arte e nondimeno anche della stessa esistenza. Cioè la capacità nella quotidianità di alzare l’asticella del possibile, di ribaltare gli imprevisti trasformandoli in opportunità, in visioni lungimiranti e, infine, in progetti concreti di ben-essere condiviso.

Mai come in questo nostro travagliato inizio di millennio abbiamo bisogno di ciò, della nostra capacità di “piegare le stelle” per l’appunto, di credere in un mondo migliore possibile, pacificato, in armonia con il pianeta secondo un approccio antispecista, con minori disuguaglianze. È tutto nelle nostre mani. È tempo, perché non c’è più tempo, che ognuno faccia quello che può nel proprio piccolo. Che ognuno faccia la sua parte nel “piegare le stelle” di un cielo oggi troppo fosco», dichiara Luisa Melara, Presidente di Arimondi Circle.

«Cesare Berlingeri è uno scultore di oggetti che tra colle e schiume poliviniliche rivendicano costantemente la loro tridimensionalità. È un performer nella sua pratica compositiva scandita per azioni programmate. È un germinatore di rabdomantiche installazioni. Ma, soprattutto, è un pittore.

I suoi piedi sono immersi da oltre cinquant’anni nei pigmenti allo stato puro, in colori in apparenza uniformi, in realtà dalle molteplici sfumature che si mescolano l’una nell’altra. Perché il colore non è mai concepito come un elemento aggiuntivo, ma costitutivo che tende sempre all’improbabile, al mutevole, una cinica metafora dell’esistenza.
La sua mano è allenata tra emersioni e sprofondamenti nella tela, la sua memoria passeggia nella storia di piega in s-piega, il suo sguardo non ha nostalgie ed è splendidamente immerso nel mistero della complessità cosmica», scrive Cesare Biasini Selvaggi, curatore della mostra.

La mostra è prodotta in collaborazione con la Fondazione Cesare Berlingeri ETS, fortemente voluta dalla sua famiglia e supportata dal Comune di Cittanova (RC) che metterà a disposizione la sede per il costituendo Museo Cesare Berlingeri. «È un sogno che si realizza come testimonianza di un impegno che non muore con le stagioni, ma che si coniuga al futuro», ha affermato Francesco Cosentino, sindaco di Cittanova.

f13ac82a 5263 4c1a 84ae a075be963129 Eccellenze Italiane

INFORMAZIONI
titolo mostra: Cesare Berlingeri – Piegare le stelle
un progetto di: Arimondi Circle
patrocini: Comune di Roma-Assessorato alla Cultura
in collaborazione con: Fondazione Cesare Berlingeri ETS
a cura di: Cesare Biasini Selvaggi
durata: 11 ottobre 2022-6 gennaio 2023
apertura al pubblico: su appuntamento
sede: via Giuseppe Arimondi 3 – Roma, 4° piano ingresso libero
per prenotazioni visite: segreteria@arimondicircle.it
per informazioni: segreteria@arimondicircle.it

UFFICIO STAMPA

Arimondi Circle
T. +39 06 97843617 – email: segreteria@arimondicircle.it

 

Condividi questo articolo