Crescere in Corea e far decollare la nuova piattaforma per i video pubblicitari mutuando il modello del Carosello, segno di un’eccellenza di settore che dà indicazioni ancora oggi, ma adeguato ai tempi in quella che viene definita sharing entertainment. È la sfida di Mosaicoon, l’azienda siciliana con una sede avveniristica di 14mila metri quadrati a Isola delle Femmine nel palermitano, fondata sette anni fa da Ugo Parodi Giusino, che oggi ha 35 anni e scommette su una vera e propria rivoluzione con il cuore in Sicilia ma una strategia globale. 

Mosaicoon punta a crescere sul mercato coreano

Crescere in Corea e far decollare la nuova piattaforma per i video pubblicitari mutuando il modello del Carosello

Un progetto ambizioso e a 360 gradi. Anzi più di uno. Un percorso consacrato in questi giorni dall’ingresso in Elite, il programma internazionale di Borsa Italiana – London Stock Exchange Group dedicato alle aziende più ambiziose e con forte vocazione all’innovazione, dotate di un modello di business solido e di una chiara strategia di crescita. Unica italiana selezionata per il comparto media tra le diciannove entrate in Italia.

Una delle sfide più importanti per l’azienda che ha già una sede a Seul, come a Singapore e New Delhi, è stata quella di investire «nel Paese più innovativo del mondo, che è la Corea», come ha spiegato Parodi Giusino all’agenzia Agi. «E stata una scelta strategica e ponderata – spiega – per testarci con un mercato più evoluto ed evitare di fare un prodotto obsoleto e pensato per un contesto meno sviluppato. Ed è una soddisfazione vedere che Mosaicoon è percepita come assolutamente innovativa in Asia. La Corea è molto esigente, chiede tutto, subito e che sia tutto funzionante. E noi abbiamo dovuto rispondere a questo problema specifico: avere contenuti di qualità, giusti e in poco tempo. I primi segnali che stiamo ricevendo dal lancio sono molto positivi, anche qui in Italia che è un paese vecchio, che si lamenta, dove i capitali sono fermi, dove ci si attarda sui fasti del passato piuttosto che interpretare quello che sta accadendo, chiedendosi che ruolo abbia in un mondo che va a questa velocità. Una fotografia spietata? Certamente, ma non direttamente collegata al talento che c’è in Italia e in Sicilia, al potenziale, all’intelligenza, alla passione, alla cultura; però oggi siamo proprio fuori dal mondo che conta».

L’altra sfida riguarda il lancio di una nuova piattaforma che consente ai brand di pianificare rapidamente strategie di comunicazione video di lungo periodo innovative. «È la prima volta – spiega Parodi – che l’azienda mette la faccia su una soluzione tecnologica totalmente sua, che pensiamo corrisponda esattamente a tutto quello che è Mosaicoon». L’obiettivo è di «rispondere con una scommessa vincente: portare i brand ad esprimersi al 100%, offrendo loro tutti i video essenziali per intercettare i propri pubblici e nutrire il proprio fabbisogno di comunicazione quotidiano». Qual è il valore aggiunto della nuova piattaforma? «Abbiamo fatto una cosa tanto semplice, quanto unica sul mercato: avere invertito il processo tradizionale che rende difficilissimo per una grande azienda fare centinaia di video efficaci in poco tempo – dice Parodi -. Nella nostra piattaforma i creativi di tutto il mondo propongono progetti video già finiti, noi li categorizziamo con parole chiave e caratteristiche; grazie a un sistema intelligente forniamo un risultato a dei brand che stanno cercando video che parlano ad esempio di bambini, famiglie, avventura o un mix di famiglia ambiente e tecnologia. Più andiamo avanti, più questo sistema e questi dati vengono elaborati, diventano più sofisticati e capaci di rispondere a istanze e progetti più esigenti. Noi diamo un grande supporto per usare la tecnologia, ma una dei nostri focus è renderla totalmente accessibile all’esterno».

In definitiva la nuova piattaforma di Mosaicoon punta a mettere in relazione i grossi brand, i quali hanno bisogno di tanti contenuti video che con il modello tradizionale non riuscirebbero a produrre con rapidità, con i talenti di tutto il mondo che producono campagne video. È un fatto che i marchi devono affrontare una nuova sfida: «Basare la propria strategia di comunicazione e storytelling sui contenuti video, per riuscire a coinvolgere i pubblici in modo più profondo ed efficace». Il video, infatti, non è più soltanto un formato pubblicitario, ma rappresenta il nuovo linguaggio dell’universo digital, sia per le persone sia per le aziende. «Con Mosaicoon, brand e agenzie possono accedere ad un universo di contenuti video originali e di alta qualità – proposti dai migliori creator del mondo – e costruire in modo facile e veloce video strategy di lungo periodo». Lo strumento è questa piattaforma innovativa che Parodi accosta al Carosello: «Un’eccellenza unica al mondo nata in Italia, che noi con la tecnologia cerchiamo di riproporre – dice -. esempio di pubblicità che funziona perché mette davanti a tutto un contenuto interessante; solo alla fine il brand si manifesta».

Fonti: IlSole24ore e Agi