Anton Giulio Grande

Anton Giulio Grande, lo stilista delle dive
Anton Giulio Grande_ Agg- logo
Anton Giulio Grande, lo stilista delle dive

Anton Giulio Grande

Stilista

Ha realizzato abiti per le più belle donne della televisione e dello spettacolo italiano: da Elenoire Casalegno a Sabrina Ferilli, da Alba Parietti a Valeria Marini“.

Anton Giulio Grande

Cosa insegna questa storia

1

L’insicurezza ci fa grandi solo se la si affronta per quella che è“.

2

Caparbietà e ambizione andrebbero utilizzati per realizzare se stessi, non per incattivirci a vicenda“.

3

Coltivare un sogno è ciò che permette all’uomo di sentirsi vivo e di diventare protagonista della propria vita“.

Videogallery

La Storia

Scheda video di presentazione di Anton Giulio Grande

La Premiazione

Video premiazione di Anton Giulio Grande.

La Storia di Anton Giulio Grande

Pizzi, trasparenze, abiti impalpabili e riccamente lavorati.

Sublime ambasciatore di una moda all’insegna dell’eleganza e del lusso, della spettacolarità e della sensualità, Anton Giulio Grande, inizia il suo percorso artistico e lavorativo fondando ad appena 20 anni la sua omonima maison.

Lo stilista calabrese si afferma nel mondo dell’alta moda internazionale dopo aver studiato presso l’Università della moda “Polimoda di Firenze” e successivamente al Fashion institute of technology di New York.

Anton Giulio Grande con modella che indossa suo abito

Esperienze che gli consentono di lavorare per un marchio icona della moda Italiana: le sorelle Fontana e poi, nel 1995, lanciare la prima collezione con il proprio nome.

Identificato come lo stilista delle dive, ha cucito abiti per le più belle donne della televisione e dello spettacolo italiano: da Elenoire Casalegno a Sabrina Ferilli, da Anna Falchi, Alba Parietti a Valeria Marini e poi ancora Nina Moric, Manuela Arcuri a Belen Rodriguez.

Designato come erede del grande Gianni Versace, ha applicato il suo talento anche per la fiction e il teatro curando gli abiti di scena per la versione italiana del musical Moulin Rouge.

 

Anton Giulio Grande con Anna Falchi e Manuela Arcuri

Tra i tanti riconoscimenti ricevuti il premio come migliore allievo per vent’anni del Polimoda, la scuola che l’ha lanciato e, recentemente, l’Oscar europeo per la diffusione del Made in Italy in Italia e nel mondo attraverso il valore e il prestigio delle sue opere. Anton Giulio, dopo aver calcato le passerelle più importanti del mondo, esprime oggi l’inventiva più alta, la creatività e il talento capace di esaltare e valorizzare la vera essenza dell’essere donna.

 

Anton giulio Grande abiti in esposizione

Fotogallery premiazione

Qui accanto alcuni momenti dell’intervento di Anton Giulio Grande in occasione della settima tappa di Etour svolta a Lamezia Terme.

Per tutte le foto e per tutte le informazioni sulla tappa clicca su Etour Lamezia.

Correlati dal blog

Etour il 18 Gennaio la settima tappa a Lamezia Terme