Techitaly 2016, evento di promozione delle eccellenze industriali e tecnologiche italiane nel settore dell’economia circolare e sostenibile: europarlamentari, dirigenti istituzionali e rappresentanti del mondo scientifico ed industriale italiano si sono riuniti a Bruxelles per partecipare all’evento.

L’iniziativa e’ stata organizzata dall’Ambasciata d’Italia a Bruxelles e l’Agenzia Ice per il Commercio Estero, – in collaborazione con la Rappresentanza Permanente d’Italia presso la Ue, il Consiglio Nazionale della Ricerca, l’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile (Enea), Confindustria e la Camera di Commercio Italo-Belga (Ccita-Bel).
L’evento si e’ aperto con un seminario tenutosi presso la residenza dell’Ambasciatore, Vincenzo Grassi, sul pacchetto di misure relativo all’economia circolare presentato dalla Commissione Europea lo scorso 2 dicembre 2015. Un’occasione per presentare i risultati finora raggiunti dall’Italia e le opportunità e problematicità derivanti dall’applicazione delle misure proposte, in particolare nei settori del riciclo dei rifiuti e del riutilizzo delle materie prime di scarto nei processi produttivi.
La seconda giornata e’ stata invece dedicata a presentare le realtà belghe ed italiane coinvolte in progetti di economica circolare, nonché a incontri B2B fra aziende italiane e belghe. Verranno illustrati i notevoli risultati conseguiti da imprese italiane nei settori del recupero dei materiali organici nell’agroindustria, nel trattamento dei rifiuti urbani, nell’efficienza energetica per l’edilizia. L’appuntamento segue analoghe rassegne dedicate alle eccellenze tecnologiche italiane, realizzate a Bruxelles nel 2012, 2013 e 2014. Negli ultimi anni, l’Italia considera il graduale passaggio verso un’economia circolare una priorità nelle politica ambientale ed industriale, nell’ottica di uno sviluppo sostenibile ed integrato che coinvolga tutti gli attori della filiera produttiva. In questo contesto, le piccole e medie imprese assumono un ruolo sempre più centrale per l’attuazione degli obiettivi inclusi nelle proposte legislative attualmente in fase di revisione.
Nella cornice dell’azione comunitaria, Techitaly si propone come una piattaforma privilegiata tra Italia e Belgio e come luogo per approfondire il dibattito sullo sviluppo di tecnologie all’avanguardia e lo scambio di esperienze, competenze e ‘buone pratiche’. L’edizione 2016 coniuga le eccellenze italiane e belghe, operanti a livello nazionale e regionale, nei settori delle biotecnologie, dell’efficienza energetica e della protezione ambientale e si propone l’obiettivo di promuovere una riflessione congiunta tra istituzioni, industria, ricerca e società civile sul tema della crescita, dell’ambiente e dell’innovazione”.

FONTE: Etribuna