Etour: al via il tour del progetto Eccellenze Italiane, storie di Coraggio, passione e identità dell’Italia che Vale!

 Testimonianze di imprenditori che ce l’hanno fatta nei loro territori. Artisti e creativi che lottano per affermarsi.

10 tappe in giro per l’ Italia per incontrare i ragazzi di 4° e 5° classe e discutere insieme a loro su cosa è oggi il successo e come lo si conquista. 

SEGUI LA DIRETTA STREAMING SULLA WEB TV DI ECCELLENZE ITALIANE

Etour, un tour per raccontare e raccontarsi, un modo per trasmettere valore e regalare la propria esperienza a chi ancora di esperienze deve farne molte. Eccellenze Italiane è un progetto editoriale di Storytelling legato alle storie umane e imprenditoriali di successo del nostro paese.  Il successo, ma soprattutto la strada per arrivarci, vanno raccontati in prima persona ed è per questo che dopo aver raccolto queste storie in un volume, si è deciso di portarle nei teatri di tutta Italia per permettere agli studenti, che frequentano le ultime classi delle scuole secondarie di secondo grado, di incontrare la voce dell’Italia eccellente, di un’Italia che spera, che sogna, che crea, che si impegna ogni giorno e che nessuno descrive e promuove come si deve.

La prima tappa, su dieci, che si svolgerà al teatro Rendano il 28 aprile alle 10:30, vedrà la partecipazione di 800 studenti provenienti da tutta la Calabria e in particolare dagli istituti: Da Vinci – Nitti, Tommasi-Mancini (Cs), Liceo musicale Della Valle (Cs), Istituto Nautico di Pizzo (Vv), Istituto tecnico industriale Monaco (Cs), Istituto Piria (Rc), Istituto Severi-Guerrisi (Rc).
Sul palco tra i protagonisti, saranno presenti le storie di: Carmelo Basile per Fattoria della Piana, Fabio Curto, vincitore del talent show The Voice, Danilo Iervolino, Università telematica Pegaso, Giuseppe Naccarato, Viaggiart, Nicola Regina che presenterà il libro “Controvento”, la storia di un ragazzo che ha lasciato tutto per viaggiare in giro per il mondo e poi ancora, Daniela Rambaldi, figlia di Carlo Rambaldi, premio oscar e creatore di Et, che ci racconterà il rapporto che aveva con suo padre, Maria Rosaria Russo, preside antimafia e per finire l’incredibile storia di Luis Fusaro, l’uomo che è riuscito a sopravvivere con una pallottola nel cervello.

La direzione artistica dello spettacolo, curata da Piero Muscari e da Danilo Russo, vedrà oltre agli interventi dei ragazzi  e alle storie, l’esibizione dei ragazzi della scuola di ballo Fantasy Dance di Rossano con tre balli tematici legati alla ribellione, al nuovo modo di concepire l’informazione e al bello che ci circonda continuamente. Il tour, sponsorizzato a livello nazionale dall’università telematica Pegaso e da Canon, per questa tappa calabrese è stato sostenuto da Bcc Mediocrati, da Agci Calabria e Pubbliemme, avendo anche come media Partner LaC. Patrocinato dal Miur e dal Comune di Cosenza, lo spettacolo vedrà anche il riconoscimento di dieci borse di studio, del valore di 1200 euro, offerte dall’Università telematica Pegaso e consegnate ai dieci istituti partecipanti.

Il progetto, approdato anche su La 7, vanta anche un comitato scientifico (C.S.) composto da: Piero Muscari, giornalista  (Fondatore del progetto), Michelangelo Tagliaferri, CEO dell’Accademia di Comunicazione (Presidente del C.S.), Fondazione Lelio Luttazzi rappresentata dal presidente Rossana Luttazzi (Membro del C.S.), Fondazione Carlo Rambaldi rappresentata da Daniela Rambaldi, Fondazione Rocco Guglielmo rappresentata da Rocco Guglielmo e da Heinz Beck.
L’obiettivo di Eccellenze Italiane nel coinvolgere le scuole attraverso Alternanza scuola – lavoro, è quello di favorire la crescita e la maturazione degli studenti, in vista di scelte professionali future.

Come? Si cercherà di promuovere una relazione positiva e dinamica tra il mondo del lavoro (le aziende) e gli studenti, ampliando le possibilità di intervento degli studenti all’interno di un mondo tanto complicato, quanto affascinante. Gli studenti avranno la possibilità di affrontare un tema attuale, che ci viene sbattuto in faccia tutti i giorni, molto delicato: il lavoro, la disoccupazione giovanile. Il lavoro che non deve essere inteso però, solo come un problema di opportunità, ma di impostazione dello stesso. Partendo dal presupposto che non esiste “una pozione magica” valida in ogni situazione e con ogni studente, bisognerà stimolare una capacità introspettiva di autoriflessione per individuare, grazie alle proprie esperienze e competenze, le soluzioni più idonee a promuovere una trasformazione positiva verso il lavoro dei propri sogni.